header-img
Lledó Barberá
Autor/a: John Doe Fecha de publicación: 14/09/2022 Última edición: 20/05/2024

I modi migliori per posare le piastrelle su pavimenti e pareti

In questo articolo parliamo di:

    Quando si decora con la ceramica, non solo la scelta della piastrella è importante, ma anche il modo in cui le piastrelle vengono posate influenza il risultato. Ed è che a differenza di quanto può sembrare, un pezzo di ceramica può cambiare completamente se viene posizionato in una posizione o nell'altra. Allo stesso modo, puoi anche valorizzare lo spazio se scegli il modo più appropriato per posizionare le piastrelle. Per questo, da esperti di ceramica, analizziamo le principali forme e stili di posa delle piastrelle in base alle tendenze e alle esigenze di ogni spazio.

    Modi e stili di posa delle piastrelle

     

    1. Giunto scorrevole orizzontale

    Per posizionarle orizzontalmente, le tessere vengono posizionate una dopo l'altra, in linea retta, e una sotto l'altra, senza alcuno spostamento. Entrambe le posizioni riescono a creare una stanza piena di ordine e armonia nello spazio, quindi questo stile di posizionamento delle piastrelle è perfetto per ambienti rilassati.

    2. Giunto a corsa verticale

    La stessa cosa accade se vogliamo ottenere un giunto scorrevole verticale. Seguiamo lo stesso meccanismo del giunto scorrevole orizzontale e otteniamo lo stesso effetto nella decorazione.

    3. Sfalsato o sfalsato

    Questo modo di posizionare le tessere viene eseguito in fila e, invece di far combaciare tutte le giunture, vengono posizionate alternativamente. In questo modo l'effetto ottenuto è che i tagli verticali si trovino esattamente al centro di quelli della linea superiore e inferiore. Di conseguenza, la giunzione esistente tra due pezzi viene interrotta o termina in un altro pezzo. Può essere orizzontale o verticale.

    Va detto che questo tipo di posizionamento crea una sensazione di spaziosità e fa guadagnare più spazio alla stanza. Totalmente consigliato per stanze piccole in quanto crea un effetto dinamico.

    4. Una matajunta sfollata

    In questa opzione per posizionare le tessere, i pezzi sono posizionati in modo tale che il giunto verticale si muova, ottenendo che l'allineamento tra le diverse tessere rompa la normale simmetria nel tradizionale matajunta. Il risultato ottenuto è quello di creare un ambiente originale per la stanza.

    5. Tang o Wide Tang

    Se posizioniamo tessere rettangolari sulle X, ciò che otteniamo è un motivo noto come spina di pesce. La disposizione a spina di pesce crea un effetto freccia ed è ottenuta con piastrelle posate in diagonale (orizzontale o verticale). Questo  tipo di layout ricorda le stanze con pavimenti in parquet.

    6. Diagonale

    Per continuare con i metodi di posizionamento, proponiamo un layout classico per piastrelle quadrate. In questo caso le piastrelle vengono posate in modo tale che le fughe formino una X, creando così un motivo continuo. un effetto scacchiera. Questa proposta è consigliato per piccoli spazi o per dare dettagli ad una stanza più grande, poiché il risultato è ripetitivo.

    7. Linea incrociata

    Questa forma di posa delle piastrelle, nota anche come tratteggio incrociato, è caratterizzata dall'intercalare di doppie piastrelle rettangolari poste verticalmente e orizzontalmente su tutta la superficie. Con questo è possibile rompere con la linearità e il risultato è esso stesso una stanza decorativa. Questo tipo di posa è molto comune per bagni o pavimenti ad effetto ceramica.

    Passaggi da seguire per posare le piastrelle in bagno o in cucina

    Dopo aver analizzato i modi esistenti per posizionare le piastrelle e riuscire a creare stanze prettamente di tendenza, vogliamo indicare i passaggi da seguire per posizionare le piastrelle.

    1. Scegliere e calcolare correttamente il materiale

    La prima cosa da tenere in considerazione quando si piastrella una stanza è scegliere i pezzi di ceramica e calcolare correttamente la quantità necessaria. La cosa fondamentale è misurare accuratamente la superficie da rivestire e, in base alla dimensione della piastrella scelta, acquistare qualche pezzo in più. Oltre ad essere proattivo nel caso in cui un pezzo si rompa in futuro, potrebbe essere che per rifinire alcune aree sia necessario tagliare le piastrelle.

    2. Preparare la superficie da rivestire

    Prima di piastrellare, dobbiamo assicurarci che la superficie sia pulita. adeguatamente levigato e regolare. Nel caso del pavimento, la cosa più importante è controllare che non ci siano dislivelli e che sia livellato. totalmente dritto. Per quanto riguarda le pareti, assicurati che siano dritte a terra. 

    Si consiglia inoltre di carteggiare e pulire le superfici su cui posizioneremo le piastrelle per facilitare la posa delle piastrelle.

    3. Distribuisci le tessere

    Quando si posano le piastrelle, iniziare dal pavimento e posizionare prima quelle accanto al muro. In questo modo potremo posizionare le piastrelle del rivestimento dalla linea di demarcazione che questo limite stabilisce. Successivamente, continueremo a rivestire le piastrelle del muro. Il modo di posizionare questi pezzi di ceramica sarà diverso. sempre dal basso. Per completare, passeremo a piastrellare il centro del pavimento.

    4. Taglio delle piastrelle

    Per tagliare le piastrelle si utilizza una taglierina ceramica manuale, una macchina con la quale i pezzi vengono tagliati diritti e senza errori. Generalmente, per finire l'ultima fila di pareti o il pavimento, così. come i vertici, devi tagliare il pezzo in base allo spazio che hai.

    5. Posizionamento delle tessere

    Per posizionare le piastrelle sul pavimento o sulla parete è necessario utilizzare il cemento. Questo prodotto si applica sulla superficie da rivestire con l'ausilio di una spatola. Successivamente, la tessera viene accuratamente posizionata in linea con il resto dei pezzi.

    Notizie correlate

    Dune

    Newsletter

    Iscriviti e non perderti le nostre novità!

    Applicazioni di progettazione 3D che hanno la nostra galleria di prodotti